Quando il drone diventa strumento per la didattica

Costruire un drone per imparare la matematica, l’ingegneria, l’informatica e le scienze fisiche e naturali. Il concetto traduce in sintesi lo scopo del progetto internazionale Delta – Drones: Experiential Learning and new Training Assets – finanziato dall’Unione Europea nell’ambito dell’Azione Chiave 2 «Partenariati Strategici» del programma Erasmus+.

L’iniziativa, guidata da Cisita Parma, ente di formazione di Upi e Gia, è rivolta agli studenti e coinvolgerà per 30 mesi insegnanti, aziende e università di quattro paesi: oltre all’Italia, Spagna, Portogallo e Romania. Proprio a Parma, dove il progetto è stato presentato nel dicembre scorso, è partita la fase operativa.

Si è appena conclusa infatti la settimana di «formazione formatori » che ha ospitato i referenti degli organismi europei partecipanti. Il progetto Delta è finalizzato alla progettazione e sviluppo di 5 droni inoffensivi per finalità didattiche sperimentali. Per l’Italia sono coinvolti gli istituti scolastici Berenini di Fidenza, Gadda di Fornovo e Ferrari di Maranello, e l’azienda AeroDron di Parma, start up dedicata allo sviluppo e gestione dei SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto). A livello internazionale Spagna e Romania contribuiscono con due scuole e due business partners del ramo ingegneristico, specializzati sui droni – il Centro di Ricerca Aitiip di Saragozza e l’azienda Ludor Engineering di Iasi -, mentre l’Università di Porto (Portogallo) si occuperà di controllo qualità e disseminazione dei risultati di progetto.  

 

(dalla Gazzetta di Parma del 1.4.2017)

 

Per l'Istituto Berenini hanno partecipato i prof. Maurizio Berzieri, Marco Varotto e Roberto Bellarmino


Pubblicata il 03 aprile 2017

Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.

Approfondisci