Mi rivolgo a tutti Voi operatori della Scuola, studenti e genitori per trasmetterVi, attraverso il mio saluto e augurio per l’avvio del nuovo anno scolastico, un rinnovato incentivo a metterVi in gioco, pienamente e serenamente, anche quest’anno per raggiungere gli obiettivi formativi e di apprendimento, i traguardi educativi e didattici.

E’ inevitabile, all’apertura di un percorso annuale, dare una lettura della realtà che ci circonda e riflettere sui mutamenti in atto e sulle linee formative che devono guidare le nostre azioni. Oggi più che mai, nella frammentarietà del contesto che ci circonda, nell’ emergenza educativa che chiama in causa fortemente tutte le realtà deputate alla formazione, la scuola deve svolgere un ruolo centrale per la creazione del cittadino.

Il Ministro della Pubblica Istruzione Valeria Fedeli ha di recente affermato: “Vogliamo rendere la scuola agente del cambiamento, affinché sia strumento di pari opportunità e mobilità sociale, formi cittadine e cittadini capaci di affrontare l’innovazione e trasformarla in opportunità, cresca nuove generazioniconsapevoli, attive, responsabili, in un’ottica di cittadinanza globale”.

Credo sia pertanto giunto il momento, di fronte alle sfide del nostro tempo, di guardare alla complessità del reale con un’ottica allo stesso tempo ampia ma anche particolare, per cercare di rendere “sostenibile” il vivere su questo pianeta.

Il concetto che vorrei pertanto sottolineare quest’anno come centrale per il nostro processo educativo è “sostenibilità”, intesa come un processo continuo di sviluppo nelle sue tre dimensioni inscindibili, ambientale, economica e sociale. Il lavoro educativo e formativo deve pertanto mirare a creare quei cittadini che sappiano costruire e muoversi in un mondo sostenibile, dove, cioè i soddisfacimenti dei nostri bisogni non compromettano la capacità delle generazioni future di rispondere ai loro, dove non si continui a danneggiare pezzo per pezzo questo nostro pianeta ma ci si sforzi per rendere migliore la vita di tutti, di oggi e di domani.

Il primo pensiero va all’educazione al rispetto dell’ambiente, alla tutela delle risorse naturali e del patrimonio, alle lotte all’inquinamento, ma non solo; altrettanto importante è la capacità di generare reddito e lavoro per il sostentamento delle popolazioni e la capacità di garantire condizioni di benessere umano (sicurezza, salute, istruzione) equamente distribuite tra le persone, di qualunque genere, etnia, provenienza.

Mi auguro e Vi auguro che la Scuola possa essere il luogo ove noi adulti aiutiamo Voi ragazzi a essere consapevoli del Vostro modo di percepire e valutare la realtà, affinché possiate fare scelte ponderate oggi da studenti e domani da adulti e lavoratori: conosciamo il nostro ambiente, le fonti energetiche rinnovabili, le scelte green, l’economia circolare e della condivisione, l’integrazione sociale, impariamo a stabilire un’interazione tra innovazione tecnologica e valori umani. Usiamo il nostro tempo per insegnare e imparare a renderlo un po’ migliore questo mondo e questo credo sia il risultato più alto che il nostro lavoro di educatori e insegnanti possa raggiungere.

Buon anno scolastico!

Il Dirigente scolastico

Dott.ssa Rita Montesissa


Pubblicata il 16 settembre 2017

Condividi