L'isola di plastica: La 5^ Chimici aderisce alla petizione all'ONU

The Trash Isles: un accumulo galleggiante di rifiuti di plastica grande come la Francia si è formato nel nord dell’Oceano Pacifico a partire dagli anni ’80 a causa dell’azione delle correnti oceaniche, provocando danni irreversibili all’ambiente, agli animali e all’uomo. La classe V A del corso chimici, da sempre attenta ai problemi ambientali e al tema della sostenibilità, ha aderito alla campagna di Change.org firmando la petizione all’ONU in cui, provocatoriamente, ci si dichiara cittadini delle Trash Isles e se ne richiede il riconoscimento come 197° stato sovrano, dotato di bandiera e valuta nazionali. Solo così si potrà beneficiare dell’Environmental Charter in base a cui “All members shall co-operate in a spirit of global partnership to conserve, protect and restore the health and integrity of the earth’s ecosystem”.

Isola


Pubblicata il 23 novembre 2017

Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.