VIAGGIO D’ISTRUZIONE A NAPOLI: PIZZA, VESUVIO, SCAVI……..SETE E CRAVATTE   

 

orecchinoForse non tutti sanno che Napoli è famosa, oltre che per la pizza, il mandolino, il Vesuvio e quanto di più folcloristico la tradizione vuole;  anche per lo sviluppo di un settore manifatturiero di “di nicchia” quello della produzione di cravatte di seta  e tanto altro.Marinella

Allora, per la IIG MODA, in un viaggio a Napoli non poteva mancare una tappa in Piazza Vittoria da Marinella.

Abbiamo visitato l’azienda storica Marinella, fondata nel 1914 da Eugenio Marinella, oggi gestita dalla quarta generazione. Ancora oggi le cravatte Marinella sono indossate da molti uomini celebri e sono simbolo di eleganza e status symbol, Marinella detta i canoni dello stile dell’accessorio maschile per eccellenza: la cravatta.

La bottega apre alle 6:30 come da tradizione, inaugurata nel lontano 1914.

Nell'azienda Marinella è fondamentale l'attenzione al particolare e la valorizzazione del prodotto, anche attraverso il recupero dei simboli tipici del territorio e della cultura partenopea.

La passione traspare nei contatti umani e questo si vede nell’attenzione che il dottor Paolo Gallo ha intensamente profuso durante il percorso.

Durante la visita abbiano assistito al processo completo di produzione di una cravatta, dal momento dell’ideazione/produzione del tessuto al momento della realizzazione in sartoria dove le mani “fatate” di sarte esperte e veloci creano 150 capi al giorno che verranno indossate in tutto il mondo.Tessuto

Anche la vendita, sia nella bottega di Piazza Vittoria, dove si respirano ancora gli odori del legno delle vetrine e i profumi delle sete, sia nello show room dove storia, eleganza e attenzione per i dettagli e per il “benessere” del cliente sono un must di questa azienda, conclude l'opera con successo.

Tessuto2Pensateci! E……. Buon viaggio!!


Pubblicata il 15 maggio 2018

Condividi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.