In occasione della Giornata della Memoria   

Sabato 26 Gennaio, nel Ridotto del Teatro “G. Magnani”

 

 

Nella sezione “Pagine di Memoria”, le classi quarte e quinte, accompagnate dalla prof.ssa Nicoletta Fanzini, che ha preparato i brani, hanno presentato testi di scrittori testimoni diretti della Shoah durante l'incontro “Dietro il filo spinato. Deportazione, Shoah, Memoria”, che ha visto gli interventi di relatori d'eccezione, Teresa Malice e Marco Minardi, dell'Istituto Storico della Resistenza Parma, e la proiezione di testimonianze di Liliana Segre, senatrice a vita, superstite della Shoah e testimone dei campi di concentramento nazisti. All'incontro, organizzato dall'Amministrazione Comunale, erano presenti il Sindaco, ing. A. Massari, il Presidente del Consiglio Comunale, Amedeo Tosi e l'Assessore alla Cultura, prof.ssa M. Pia Bariggi.

I relatori hanno parlato delle motivazioni che hanno prodotto fascismo e nazismo ed inquadrato storicamente gli eventi causa dell'affermarsi dei totalitarismi italiano e tedesco, ponendo l'accento sul pericolo di quanto, ancora oggi, potrebbe accadere di simile, dato il momento storico e politico che stiamo attraversando.

Le relazioni sono state particolarmente interessanti, perché hanno riportato testimonianze anche di avvenimenti verificatisi a Fidenza e Parma e per il fatto che gli studenti hanno posto l'accento, nelle loro riflessioni, su quanto l'indifferenza e la paura abbiano consentito, permesso e giustificato l'azione  dei carnefici e sull'attualità dell'affermazione di Primo Levi: “Meditate che questo è stato: vi comando queste parole. Scolpitele nel vostro cuore stando in casa, andando per via, coricandovi, alzandovi; ripetetele ai vostri figli”.

Tramite le parole  di Liliana Segre, "vediamo" l'immagine del fumo che esce dal camino e l'orrore che rappresenta, “vediamo” il grigio che ricopre la neve. 


Pubblicata il 08 febbraio 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.